NEWS

Ogni epoca storica è caratterizzata da un proprio stile di arredamento. Lo stile classico, l’arte povera, lo stile industriale hanno segnato la storia degli arredi. Per la creazione di mobili in stile classico vengono utilizzati principalmente legni come il rovere, il ciliegio, laminato o massello, così come nell’arte povera, dove prevale un’attenzione particolare per i pomelli in ottone, le cerniere e per la colorazione naturale del legno. Lo stile industriale coniuga l’utilizzo di ferro, legno e acciaio, prediligendo mobili di grandi dimensioni con lavorazione grezza. L’arredamento minimalista fa parte di una concezione moderna, caratterizzata da forme essenziali e lineari, con colori neri, bianchi e grigi. Particolari sono i mobili tipici dell’arredamento orientale, come lo zen, che prevede colori neutri e materiali naturali, e mobili indiani e cinesi, bassi e impreziositi con colori oro, argento e vetri. Gli arredi in stile nordico hanno un look sobrio, con legno, alluminio e acciaio come protagonisti, senza decorazioni e tinteggiati con tonalità neutre. Evocativo dello stile provenzale, lo shabby chic predilige decorazioni in rilievo e colorazioni specifiche, bianco, lavanda, tortora, giallo canarino e beige.